72 ore a St. Barts: come sfruttare al meglio il tuo lungo viaggio di fine settimana

St. Barts / Oyster

Dicono che non vale niente che valga la pena, e questo vale sicuramente per un soggiorno a St. Barts . Arrivare a quest'isola caraibica francofona non è semplice. In realtà, è decisamente scoraggiante. Lo sbarco dello stomaco all'aereoporto di Gustaf III coinvolge barcollando tra picchi scoscesi prima di atterrare su un piccolo asfalto di 2.100 piedi. Sfuggi alla pista appena là e finisci nella baia di St. Jean. Ma tutto questo è dimenticato nel momento in cui scendi dal saltatore da otto posti e senti la densa aria caraibica baciare la tua pelle.

Nonostante questo viaggio a bocca aperta, molte persone continuano ad affollarsi sull'isola per le sue boutique di alta moda, i ristoranti gourmet e le spiagge appartate. Gli ospiti benestanti, tra cui un cast girevole di volti famosi, possono essere trovati tintinnanti bicchieri di rosé e si mescolano su spiagge che vanno dal chiassoso (Nikki Beach) a rilassato (St. Jean).

Per coloro che si stanno chiedendo come sta andando St. Barts dopo l'uragano Irma, che ha colpito duramente l'isola a settembre 2017, le luci sono tornate. Il recupero continua, ma ristoranti, negozi e alberghi stanno lentamente aprendo il tappetino di benvenuto. Si potrebbe facilmente trascorrere una settimana qui croccanti sulla sabbia, fare shopping nei negozi di fascia alta e sorseggiare cocktail tropicali, ma se hai solo 72 ore di tempo libero, non scontare un viaggio sull'isola. Di seguito, abbiamo arrotondato l'itinerario perfetto per il lungo weekend per St. Barts.

Arrivare e muoversi

Tradewind Aircraft, St. Barts / Oyster

Il percorso verso il paradiso può essere lungo - vale a dire, non ci sono voli diretti per St. Barts. Per i viaggiatori statunitensi, consigliamo di volare a San Juan, Porto Rico, Antigua, St. Thomas o Nevis, prima di saltare su un velivolo Tradewind da otto posti per l'ultima ora del viaggio. Tradewind rende l'atterraggio precario un po 'meno snervante, offrendo a bordo coraggio liquido (rosé) e snack (patatine fritte, barrette di cereali). Ma il servizio di guanti bianchi inizia prima ancora di salire a bordo. All'atterraggio a Porto Rico, un dipendente designato di Tradewind ti accoglierà al gate e ti accompagnerà in una sala privata, dove potrai entrare in vacanza con cibo, bevande e Wi-Fi gratuiti. Nel frattempo, il rappresentante farà tutto il lavoro di gambe, incluso il recupero del bagaglio da stiva, il trasferimento sul tuo prossimo volo e la gestione delle pratiche doganali.

Sono inoltre disponibili un volo di 15 minuti più corto su Winair o St. Barth Commuter da altre destinazioni di scalo, ma nessuno dei due offre la stessa esperienza VIP con la corda di velluto rosso. Per coloro che preferiscono allungare le gambe (e non sfidare il terrificante touch-down), Great Bay Express e Voyagers offrono traghetti ad alta velocità di 45 minuti da St. Maarten.

Noleggiare un'auto (o, se lo fai, un Moke elettrico senza porte) è consigliato per girare l'isola. Allacciati per strade tortuose con tornanti, ripide scogliere a vertiginose altezze e tratti stretti, ma il fattore paura è un piccolo prezzo da pagare per la ricompensa di panorami mozzafiato attraverso il paesaggio incontaminato. Vale anche la pena di notare che Uber, Lyft e altre app di condivisione del viaggio non hanno debuttato sull'isola, e i circa 40 taxi autorizzati sono di proprietà e gestione individuale. Puoi sempre chiedere all'hotel di chiamare un taxi per te.

Dove alloggiare

Hotel Manapany, St. Barts / Oyter

Non venire a St. Barts in attesa di trovare catene alberghiere. Invece, affascinanti, lussuose proprietà di boutique e ville di lusso sono la norma. Dal devastante uragano che ha colpito l'isola lo scorso settembre, due proprietà sono state completamente aperte agli ospiti.

Con un nome che si traduce in "piccolo paradiso", l' Hotel Manapany ad Anse des Cayes è un hotel sulla spiaggia rilassato, ma raffinato, con tutti gli ornamenti di un resort e nessuno degli sprawl. La proprietà, appartenente al gruppo alberghiero francese B Signature, è riuscita a rimanere in gran parte incolume dall'uragano, sebbene sia stata sottoposta a un rinnovamento tipico e abbia riaperto i battenti nel marzo 2018.

Oggi, i ripidi terreni collinari si fondono con il loro ambiente naturale, con sentieri sinuosi nascosti tra alberi di cocco, palme rigogliose e persino alberi di agrumi, banane, avocado e mango. Lussuoso senza essere pretenzioso, l'hotel è pieno di servizi eco-consapevoli. Sulla proprietà sono ammesse solo auto elettriche e l'acqua in ogni bagno è riscaldata da pannelli solari. Lo chef rifornisce anche i suoi ingredienti dall'orto dedicato dell'hotel. Le sistemazioni ventilate, la maggior parte delle quali si affacciano sull'oceano, sono caratterizzate da pareti bianche, legno tropicale e allegri colori blu royal, giallo sole e arancione brillante. Alcuni mobili sono realizzati a mano da tutto il mondo. E per un numero così intimo di camere (43 per l'esattezza), Manapany ha una vasta gamma di servizi: un centro termale con vista sul mare, due piscine (una opzione infinity per soli adulti), un centro fitness, un indirizzo che è un 10- minuti di auto da Gustavia, e un ristorante proprio sulla sabbia che ospita barbecue. Fai attenzione alle tartarughe e al gallo residenti, che ti sveglieranno volentieri ogni mattina, ricordandoti che sei in paradiso.

Situato su una collina sopra Colombier, Villa Marie sposa lo stile coloniale con un tocco caraibico. Accenti tropicali (dettagli a conchiglia, tessuti luminosi), legni lucidati e cordame tessuto a mano riempiono gli spazi comuni. Proprio come Manapany, la struttura di 23 camere ospita anche mobili da tutto il mondo (cassapanche antiche provengono da Jaipur, paralumi in vimini dalla Tunisia, e tavoli in forma di ananas sono portati dall'Indonesia), mantenendo quella sensazione di vacanza in tutto. Chi prenota un soggiorno presso la nuova Villa Colombier può godere di una piscina privata, di letti a baldacchino e di una vista mozzafiato sull'isola. Nel frattempo, Villa Saline, anche una nuova opzione di alloggio, offre accesso privato a una terrazza con vasca idromassaggio circondata da frangipani, ibisco e altra flora tropicale. Per finire, le tue papille gustative sono anche per una sorpresa: il ristorante Francois Plantation serve piatti di alto livello, francese-caraibica.

A differenza di Villa Marie e Manapany, l' Hotel Christopher è stato gravemente danneggiato dall'uragano lo scorso settembre. Attualmente è in fase di ristrutturazione e, sebbene l'hotel non sarà pienamente operativo fino a ottobre 2018, alcune parti della struttura stanno già accogliendo i visitatori, tra cui il centro benessere e il ristorante con vista sull'oceano. Il Christopher non è sulla spiaggia, ma la sua piscina a sfioro - una delle migliori dell'isola, se non la migliore - è l'attrazione principale, probabilmente per attirare nuovamente ospiti e non ospiti quando apre ufficialmente le sue porte.

Altri hotel programmati per l'apertura includono:

  • Eden Rock: 22 dicembre 2018 (le ville sono ospiti aperti e accoglienti).
  • Le Guanahani: 2019
  • Hotel Le Toiny: ottobre 2018
  • Cheval Blanc St-Barth Isle of France: 22 dicembre 2018
  • Le Barthelemy: ottobre 2018
  • Le Sereno: novembre 12018
  • Hotel Christopher: ottobre 2018

Giorno uno

Gustavia, St. Barts / Oyster

Inizia facile (sei in vacanza, dopotutto) con una passeggiata nella capitale dell'isola di Gustavia. Punteggiato da un gruppo di edifici con il tetto rosso, l'area è circondata da un porto con mega-yacht e barche a vela. Sparate intorno all'acqua e ammirate i panorami, poi colpite i negozi su e intorno a Rue de la Republique. I negozi di stilisti (aspettano i soliti sospetti come Hermes, Prada e Louis Vuitton) si uniscono a boutique affascinanti come Sunday e PaSha St. Barth. Chi visita a giugno può ottenere importanti sconti sulle etichette di fascia alta, in quanto le vendite annuali avvengono in questo periodo dell'anno. Oh, e abbiamo detto che è tutto duty-free?

Dall'altra parte dell'isola, ci sono ancora più negozi in attesa. St. Jean, sulla costa nord, è spesso paragonata a St. Tropez e ospita un'infarinatura di negozi che vendono di tutto, dai vestiti da spiaggia informali ai filati fantasia per una serata in città. Voila St. Barth e Calypso St. Barth sono le isole preferite, così come il supermercato Marche U, dove troverai molte importazioni francesi.

Prima di dirigersi verso St. Jean, fai una breve sosta alla rotonda sopra l'aeroporto, contrassegnata da una statua in bronzo di Savaku, un Arawak. Sposta con cura la strada, e tieni gli occhi aperti mentre gli aerei ti schizzano sopra, agitando il terreno sotto di te e creando un rumore tonante. Se avete tempo (o desiderio), potete anche dirigervi verso il villaggio di Corossol, dove troverete una piccola spiaggia fiancheggiata da colorate barche da pesca. Vieni a fare una nuotata; rimani per il meraviglioso tramonto.

Dove mangiare: In quanto collettività francese oltreoceano, St. Barts serve in gran parte piatti della cucina francese con influenze creole, il che significa che dovresti preparare la tua tavolozza per un sacco di pesce fresco. La Lagouste è il posto perfetto per fermarsi a pranzo dopo tutto quello shopping. Come avrete intuito dal suo nome, la specialità del ristorante è l'aragosta spinosa alla griglia, anche se altre gustose opzioni di pesce includono la sogliola, la spigola, il tonno e l'orata. Anche i carnivori sono ben curati, con piatti come stinchi di agnello, kebab di pollo, manzo e vitello. Qualunque cosa scegliate, però, il vostro pasto è garantito con un lato di splendide vedute sulla baia di Flamands.

Per la tua prima cena da seduti, prenota un tavolo al ristorante all'aperto, Le Tamarin. Un rigoglioso albero di tamarindo si erge all'ingresso, suggerendo ciò che deve venire dentro. Gli ospiti possono gustare antipasti come mahi-mahi, tartare di tonno e gambas a la plancha nel giardino tropicale romanticamente illuminato o nell'edificio principale affacciato sugli stagni. Mentre la serata cala, l'atmosfera diventa più vivace, mentre gli ospiti si arrendono ai biliardini e ai tavoli da ping pong dopo un paio di cocktail. Suggerimento: non perdere la notte con alcuni profiteroles che soddisfano l'anima.

Secondo giorno

Gouverneur Beach, St. Barts / Oyster

Tra boutique griffate e squisitezze deliziose, l'isola di otto chilometri quadrati ha molto da far muovere le lingue. Ma probabilmente la sua migliore caratteristica sono le sue spiagge. Le distese di sabbia intorno all'isola non sono solo tutte libere, ma anche tutte aperte al pubblico. Scegli uno o beach-hop tra pochi.

Spiaggia di Gouverneur: Nonostante sia un'isola preferita, la spiaggia di Gouverneur, sul lato sud di St. Barts, sembra ancora un segreto ben custodito. Coloro che sfidano il percorso tortuoso richiesto per raggiungere questo luogo appartato saranno premiati con onde pacifiche, silenziose e spumeggianti perfette per nuotare e fare snorkeling. All'arrivo, seguire la passerella lussureggiante, che alla fine lascia il posto a sabbia bianca e acqua cristallina incastonata tra due promontori rocciosi. Non c'è un bar, un ristorante o un negozio in vista, per non lasciare che nulla renda la rilassante colonna sonora dell'oceano, quindi prepara un picnic, un ombrellone e qualsiasi altra cosa da fare sulla spiaggia. Potresti, tuttavia, imbatterti in bagnanti in topless che stanno a testa in su o in giù, e dovresti sentirti libero di spogliarti anche tu.

Saline Beach: questa spiaggia poco battuta è uno dei luoghi più fotografati di St. Barts. E nel momento in cui poserai gli occhi su un paesaggio vasto e incontaminato, capirai perché. Quello che troverai qui è l'acqua turchese e la sabbia soffice e bianca che viene sospesa su colline rocciose. I bagnanti si divertono nel loro vestito di compleanno o picnic con spread che includono baguette, formaggio, salumi e, naturalmente, rosé. Ciò che non troverai, tuttavia, sono bar, ristoranti, negozi o persino folle. Quindi, mentre potresti non portare il tuo costume da bagno, assicurati di portare il tuo cibo, bevande, ombrelli e sedie.

St. Jean Beach: Spalato in due dal lussuoso Eden Rock Hotel, St. Jean è il posto dove vedere e farsi vedere. Tra l'acqua blu brillante e la faccia occasionale famosa, ti troverai in buona compagnia. Grazie alla sua posizione vicino all'aeroporto Gustaf III, i bagnanti possono sedersi e godersi l'emozionante vista degli aerei che decollano e atterrano. Dall'altra parte c'è Nikki Beach, un beach club dove lo champagne scorre e balla sui tavoli è la norma. Inoltre, l'acqua qui è abbastanza calma per il windsurf, lo snorkeling e il paddleboarding, ma quando hai bisogno di una pausa, ci sono diversi bar con le dita dei piedi, così come le boutique nelle vicinanze.

Flamands Beach: Mentre ogni spiaggia di St. Barts ha una sua personalità, c'è un filo conduttore che attraversa tutti loro - e questa è sabbia incontaminata e acqua limpida. La spiaggia di Flamands, situata a circa tre miglia a nord di Gustavia, nella parte nord-occidentale dell'isola, non è diversa. A differenza di molti altri in questa lista, tuttavia, questa ampia e tranquilla striscia di sabbia offre alcune zone ombreggiate - una piacevole tregua dal caldo torrido. Inoltre, è supportato da alcuni hotel e ci sono molte strutture nelle vicinanze che dovrebbero essere colpite dalla fame o dalla sete. Nella maggior parte dei giorni, il surf accoglie i nuotatori e i boogie boarder, anche se molti visitatori scelgono semplicemente di crogiolarsi al sole dei Caraibi.

Spiaggia di Colombier: accessibile solo con una passeggiata di 30 minuti o, più facilmente, con la barca, la spiaggia di Colombier è senza dubbio il punto più appartato dell'isola. Se opti per il primo, indossa scarpe comode mentre attraverserai sentieri ciottolosi e schivi un sacco di vita vegetale prima di emergere sulla sabbia polverosa. Fortunatamente, molte escursioni e gite in catamarano si fermano anche in spiaggia. Una volta lì, scoprite alcune tartarughe marine e altra vita marina nell'acqua calma e limpida. Oltre allo snorkeling e al nuoto, i visitatori dovrebbero anche tenere d'occhio l'ex casa di David Rockefeller. E mentre la privacy non manca, i servizi sono, quindi portatevi bevande, snack e altri articoli da spiaggia.

Dai un'occhiata alla nostra lista completa delle migliori spiagge di St. Barts .

Dove mangiare: Molte delle spiagge dell'isola sono luoghi appartati, incontaminati, senza bar o ristoranti nelle vicinanze, quindi avrai bisogno di prendere cibo e bevande. Per il pranzo, fare scorta di elementi essenziali per picnic - formaggi, baguette, sandwich e una bottiglia (o due) di rosé - a Marche U o Mayas to Go. Quando il sole tramonta, vestiti e dirigiti verso Bonito , un sofisticato ristorante posizionato su una collina che domina il porto di Gustavia. Qui, la cucina francese ha un po 'di sapore latino: i ceviches, i tiraditos e il risotto all'aragosta sono un must.

Se sei in vena di un po 'di dissolutezza a tarda notte, prenota un tavolo nell'iconico Le Ti St. Barth. Anche se questo è un ristorante, il vero divertimento inizia quando i piatti sono stati ripuliti dai tavoli. Uno spettacolo di burlesque dà il via allo shenanigans della sera, e prima che tu te ne accorga, farai una mossa sui tavoli da solo. Ma questo non è un normale nightclub - i clienti possono entrare di nascosto in una stanza sul retro e indossare un costume prima di colpire la pista da ballo scarsamente illuminata. È qualcosa di un rito di passaggio sull'isola.

Giorno tre

Spiaggia di Colombier, St. Barts / Oyster

Dopo un giorno intero di sonnecchiando sulla sabbia, è il momento di attivarsi (e di sudare l'alcol della scorsa notte). Alzati e risplendi presto per intraprendere la breve, ma difficile, escursione alle piscine naturali del Grand Fond, incastonata nel paesaggio aspro. Fai attenzione ai ricci di mare, che hanno anche la stessa idea. Durante il viaggio, tieni gli occhi aperti per le capre e la lavatrice, una pozza d'acqua vorticosa. Suggerimento: indossare scarpe robuste e prendere in considerazione l'assunzione di una guida, poiché parti del percorso sono difficili da percorrere.

Premia il tuo duro lavoro con un'escursione in catamarano di mezza giornata con St. Barth Sailor. La carta privata porta le persone verso spiagge difficili da raggiungere, come Colombier, dove non c'è carenza di vita marina mozzafiato (tartarughe marine, razze, pesci colorati) da ammirare. Getta degli attrezzi per lo snorkeling (forniti dalla compagnia) e tuffati nel mondo sottomarino. Tutto questo ti aiuterà ad aumentare l'appetito e, per fortuna, la barca offre un pranzo completo a bordo, oltre a snack e bevande alcoliche (tutto a un costo aggiuntivo). Se non si desidera dedicare un'intera giornata o mezza giornata a una gita in barca, altre attività sull'acqua includono il surf (a Toiny e Lorient) e il paddleboarding (a St. Jean).

Dove Mangiare: Dal momento che sarai adeguatamente sazio durante il viaggio in barca a vela, dovrai solo pianificare in anticipo per la cena. Schizza un po 'la tua ultima notte e prenota un tavolo a Orega, un elegante ristorante nel cuore di Gustavia. Gli chef qui mettono la loro specialità francese e giapponese, che si traduce in antipasti come Waygu gyoza, carpaccio di capesante e una zuppa di shiitake con foie gras scottato, così come antipasti come miso spigola cilena con funghi selvatici e asparagi bianchi e anatra confit con teriyaki, funghi shiitake e cavolfiore romanesco.

Se vuoi continuare a divertirti - e avere un volo pomeridiano il giorno seguente - dirigiti verso la Rhum Room, un paragone con - hai indovinato - centinaia di rum, comprese bottiglie rare. Basta camminare attraverso una cucina e un corridoio senza pretese per accedere al buco d'acqua clandestina. Per qualcosa di un po 'più rauco, controlla Bagatelle (sì, come in quello di New York City). Situato proprio sull'acqua, questo hot spot di scena serve la cena, ma molti si fermano dopo ore per godersi musica, balli e cocktail - il modo perfetto per festeggiare un weekend divertente a St. Barts.

Ti piacerà anche:

Non perderti i nostri segreti di viaggio. Metti Mi Piace su Facebook!