Altre persone viaggiano da sole, ma potrebbero non essere quelle che pensate

Credito fotografico: Rashi Kalra , Flickr

Molte persone hanno un'idea preconcetta del viaggiatore da solista "tipico". È giovane (di solito tra i 20 ei 30 anni), occidentale ( dall'Australia , dal Nord America o dall'Europa), ed è maschio. E mentre ci sono molti giovani occidentali che affrontano la strada da soli, il tipico viaggiatore solista di oggi non è così facile da catalogare.

Secondo il Global Travel Intentions Study di Visa del 2015 , che ha esaminato le abitudini di viaggio di oltre 13.000 viaggiatori in tutto il mondo, i viaggi da solista sono in aumento, e non solo tra i giovani viaggiatori zaino in spalla o i viaggiatori veterani. Lo studio ha rilevato che uno su cinque viaggiatori aveva intrapreso il percorso da solista nel suo viaggio di piacere più recente e oltre un terzo dei viaggiatori che hanno visitato per la prima volta hanno scelto di mettersi in viaggio da soli.

Ancora più importante è il fatto che questi viaggiatori da solista potrebbero non essere quelli che hai immaginato, lo studio ha anche riscontrato un aumento delle donne da solista negli anni precedenti - e oltre la metà dei viaggiatori da solista che hanno intervistato erano dirigenti dell'Asia, in particolare India e Cina . C'è stato anche un piccolo ma evidente aumento del viaggio in solitaria tra i viaggiatori di età superiore ai 45 anni.

Con questo in mente, abbiamo contattato alcuni appassionati viaggiatori da solista, tra cui una giovane donna che ha viaggiato per conto suo durante tutta la sua vita da adulto, un dirigente indiano che riesce a fare regolarmente viaggi epici da solista nella maggior parte dei casi. i suoi viaggi d'affari e un viaggiatore di 65 anni che a volte lascia il marito esitante in viaggio per andare da solo. Abbiamo anche fatto il check-in con le persone di G Adventures , la più grande compagnia di viaggi d'avventura indipendente del mondo, per vedere cosa avevano da dire sui viaggiatori solitari nello spazio del tour di gruppo.

Viaggiatori donne sole

Copyright Moyan Brenn, Flickr

La maggior parte delle donne è stata condizionata a vigilare sulla loro sicurezza personale, e questo è ancora più evidente quando si tratta di viaggiare da soli. Mentre le donne spesso hanno delle precauzioni extra da prendere quando escono da sole , molti scoprono che viaggiare da soli li ha aiutati a diventare più sicuri - non solo sulla strada, ma anche nella vita di tutti i giorni.

Angel O'Brien, un fotografo di Portland, Oregon, ha viaggiato da solo e ininterrottamente sin dalla prima età adulta. Sebbene avesse alcune preoccupazioni iniziali sul fatto di annoiarsi, perdere, colpire o semplicemente essere vulnerabile, le sue esperienze sono state generalmente positive.

"Viaggiare da solo è molto efficace", dice O'Brien. "Può essere facile rimanere intrappolati nella mentalità che le cose siano più divertenti con gli amici o che essere soli ti faccia sembrare strano, ma devi solo metterlo da parte. Quando viaggi da solo, non devi mai perdere ciò che vuoi perché il tuo compagno non si preoccupa di fare qualcosa. Puoi assorbire la cultura e la lingua locale molto più facilmente quando sei da solo. C'è molto meno da isolarti dalla scena locale quando non hai nessuno da casa per parlare o uscire. "

E i benefici del viaggio da solista si sono infiltrati in altri aspetti della vita di O'Brien. "Trovo che ogni volta che faccio qualcosa da solo, sia che si tratti di un viaggio completo o semplicemente di una cena e di un film in una notte libera, la mia autostima migliora e trovo che riesco a vedere meglio il mondo intorno a me."

Viaggiatori "Bleisure" solisti

Credito fotografico: Nick Irvine-Fortescue , Flickr

Lo studio Visa ha mostrato che il viaggio da solista è grande tra gli executive set, in particolare i viaggiatori provenienti da potenti economie asiatiche come la Cina e l'India. Bangalorean Jacob Cherian, un "Chief Ideas Officer" per due unità di social media marketing, viaggia regolarmente in tutto il paese durante le visite dei clienti e di solito riesce a fare affidamento su un po 'di viaggi da solista alla fine delle sue avventure aziendali. Ma piuttosto che visitare le principali città in cui si trovano i suoi clienti, li usa come punti di partenza per esplorare altre parti del paese.

"Delhi mi consente di andare nel tratto Himachal delle montagne dell'Himalaya, noleggiare una moto e andare in giro per giorni in un tratto, principalmente tra le sorgenti calde di montagna", spiega. Certo, continua a fare il check-in con il lavoro una volta ogni tanto, passando ai caffè per usare il Wi-Fi e controllare la sua email di lavoro.

Ottenere un po 'di tempo di viaggio in solitaria alla fine dei viaggi di lavoro potrebbe essere tanto un vantaggio per le aziende quanto per i dipendenti in viaggio. "Se hai un ruolo intensamente online e creativo, come il mio, è importante perdere il contatto con Internet per almeno 24 ore, se non 72", dice Cherian. "Penso che sia fondamentale avere quel tempo lontano dalle persone che conosci e con le persone che non devi acquisire nuove prospettive e nuove idee".

Viaggiatori solitari maturi

Credito fotografico: Bradley Gordon , Flickr

Mentre il viaggio in generale è stato a lungo un passatempo popolare tra il set di mezza età e quelli più vecchi, molti dei quali hanno sia il tempo e le risorse da dedicare all'esplorazione del pianeta, c'è stato un lento ma costante aumento di viaggiatori di una certa età che decollano solo nei viaggi. Lo studio Visa identifica i viaggiatori di età superiore ai 45 anni come "superboomer". Mentre tre persone su quattro in questo rapporto demografico hanno viaggiato con un compagno nel loro ultimo viaggio, c'è stato un piccolo aumento nel numero di superboomeri disposti a fare da soli, con il 18% che viaggia da solo nel 2015, contro il 16% in 2013.

Shelly Benson, un'infermiera di 65 anni di Denver, in Colorado , è convinta che lei compia circa un terzo dei suoi viaggi da sola. "Mio marito odia volare", spiega. "Adora provare il nuovo cibo e vedere cose nuove, ma portarlo su un aereo è quasi impossibile, quindi la maggior parte dei nostri viaggi insieme sono viaggi su strada". E mentre Benson spesso adora amici che condividono la sua passione per il viaggio, a volte è più facile per lei fare da solo. "Nessuno dei miei amici è in pensione e ho una programmazione più flessibile che mi rende più facile fare lunghi viaggi", spiega. "Quindi se trovo un buon affare e non riesco a convincere qualcuno a venire con me, vado da solo!"

Andare da soli, insieme

Credito fotografico: Simon Law , Flickr

Per coloro che vogliono testare le acque del viaggio da solista, ma non sono pronti per andare completamente soli, i tour di gruppo sono una buona opzione. Non solo optando per un tour per alleggerire la necessità di pianificare itinerari, i tour combinano anche il senso di libertà che accompagna i viaggi da solista con il cameratismo di un'esperienza di gruppo.

Quasi la metà dei viaggiatori che prenotano tour con la compagnia di viaggi d'avventura G Adventures rientrano nella categoria dei viaggiatori singoli (anche se questo include sia le persone che vengono in tour da soli sia coloro che prenotano individualmente ma potrebbero unirsi agli amici durante gli stessi tour). E questi numeri sono in aumento.

"La proporzione di viaggiatori solitari con G Adventures è aumentata in modo crescente ma costante negli Stati Uniti e in tutto il mondo tra il 2010 e il 2015", afferma Kim McCabe, direttore delle relazioni pubbliche degli Stati Uniti. "Nel 2010, i viaggiatori singoli rappresentavano circa il 45% della nostra attività dagli Stati Uniti, rispetto al 48% circa dello scorso anno. Queste linee di tendenza continuano anche fuori dagli Stati Uniti, con una media di circa il 37% dei clienti G Adventures che prenotano come viaggiatori singoli nel 2010, contro una media del 44% l'anno scorso ".

Potrebbe essere d'aiuto che G Adventures abbia politiche inclusive che rendano i loro tour più attraenti per chi va da solo. Invece di addebitare supplementi singoli obbligatori per i clienti singoli, l'azienda offre ai viaggiatori la possibilità di prendere un bunker con un altro partecipante dello stesso sesso. (Ovviamente per coloro che non vogliono condividere, sono disponibili aggiornamenti privati.)

In molti modi, in particolare per coloro che amano la struttura e la facilità dei tour organizzati, unirsi a un programma di gruppo come viaggiatore da solista può essere la migliore delle due mondi. "Se viaggi da solo in compagnia di un gruppo, avrai molte più probabilità di instaurare relazioni significative con i compagni di viaggio e gli host che condividono il tuo viaggio", sottolinea McCabe. "Andare da solo ti mette in condizione di fare nuove amicizie, conoscere culture diverse e condividere conversazioni con persone interessanti".

Link correlati:

Dacci un Mi piace su Facebook e goditi la migliore vacanza di sempre