Mi piace ancora viaggiare da solo? I pensieri di un viaggiatore solista, ampiamente raccontati attraverso Instagram

Era passato un po 'di tempo. Voglio dire, era stato troppo lungo, davvero. Dieci anni fa, dopo aver fatto il mio primo viaggio internazionale da solista in Spagna, giurai che sarei tornato in quel paese - presto, dissi. Ma c'erano lavori, fidanzati e altri viaggi e la vita continuava a succedere, senza un ritorno.

Nel corso della mia vita da adulto, sono diventato un intrepido viaggiatore da solista. Apprezzo lunghe distese di non parlare, scandito da intensi rapporti umani-umani - platonici, bizzarri, romantici e altri ... il tipo che può accadere solo quando gli estranei si incontrano fuori dalla noia della vita di tutti i giorni. E non sono solo in questo - secondo lo studio Global Travel Intentions di Visa del 2015 , quasi un quarto di coloro che hanno viaggiato per diletto nel 2015 lo ha fatto da solo, ed è una figura in crescita.

I migliori piani depositati ...

Quindi, il 30 settembre 2015, ho prenotato un biglietto per la Spagna, viaggiando da solo un'altra volta. All'avvicinarsi della data di partenza, però, ho iniziato a mettere in discussione la mia tipica sicurezza di sé. Vedete, per quasi sei anni ho avuto un compagno di viaggio, qualcuno che mi avvolgeva con il braccio su una spiaggia al tramonto, la nostra macchina fotografica ha resistito mentre chiedevamo "Puoi?" - sperando che un passante portasse la nostra foto prima del perfetto la luce era cambiata.

Ero lì, però, con le valigie in mano e di recente single, sentendomi l'uomo più solo al mondo e con il sospetto che stava per peggiorare.

Perché sentirsi soli succhia

Essere soli e sentirsi soli sono due cose diverse (anche se possono accadere contemporaneamente), e quest'ultima può avere effetti piuttosto negativi sul tuo umore. Ecco cosa ha da dire "The New York Times" sulla solitudine;

  • Il 13 maggio 2013, Jane E. Brody ha scritto , "Anche senza indulgere in comportamenti non salutari ... la solitudine può compromettere la salute aumentando i livelli di ormoni dello stress e aumentando l'infiammazione. Il danno può essere diffuso, interessando ogni sistema corporeo e la funzione cerebrale. "
  • Il 16 marzo 2015, Tara Parker-Pope ha scritto : "I ricercatori hanno analizzato i dati raccolti da 70 studi e più di 3,4 milioni di persone dal 1980 al 2014. Gli studi hanno dimostrato che le persone socialmente isolate, sole o che vivono da sole avevano circa 30 Percentuale maggiore di possibilità di morire durante un determinato periodo di studio rispetto a coloro che hanno avuto contatti sociali regolari. "
  • Il 10 dicembre 2015, Gretchen Reynolds ha scritto : "Più si è solitari, maggiore è la tua attenzione verso le informazioni sociali negative, dice uno dei ricercatori ... Le persone sole sembravano inavvertitamente ipervigilanti alle minacce sociali".

È possibile che tutte queste calamità mi stessero attraversando la testa mentre salivo sull'aereo. Sì, in effetti, sono sicuro che lo fossero. Come contrappunto, ho setacciato i ricordi di precedenti viaggi in solitaria: il sentiero che correva lungo il fianco di una montagna himalayana per il mio 33 ° compleanno; quel fotografo per cui mi sono innamorato a Buenos Aires ; prendere appunti per un diario di viaggio di sicuro successo in un bar di Barcellona ; guardando un film francese senza sottotitoli a Montreal senza alcuna conoscenza del francese; incontrare un grande lama tibetano perché ero perso e cercavo una cascata.

Mentre i ricordi andavano e venivano in quel momento pieno di "cosa succede se", era difficile ignorare la verità. In mezzo a tutti questi momenti da solista, i momenti salienti erano momenti di quasi paralisi, di voler battere una casa di ritiro veloce. A Buenos Aires, mi sedevo sul letto dell'hotel per un'ora ogni mattina, sconvolto dall'indecisione su cosa, esattamente, dovrei fare con me stesso. Lì stavo telefonando a mia madre da un internet café soffocante, pieno di mosche a Delhi, malato come un cane e sicuro di dover abbandonare il mio viaggio di un mese.

La verità non era accurata, carina e stimolante. Il tempo aveva imbiancato ogni viaggio in una cosa vibrante, soffusa di energia, movimento e casualità: un viaggio attraverso Londra quando non avevo dormito in una sosta di 12 ore; uomini indù invecchiati che mi accarezzavano il cavallo in una città santa affollata mentre mi ammonivano per non avere figli; un'avventura o due che sono andati più in profondità di un'avventura.

C'è questo film intitolato "Shirley Valentine". La storia ruota intorno a una casalinga britannica di mezza età, Shirley, che si unisce alla sua amica in un'improvvisa vacanza in Grecia. Non ha mai viaggiato all'estero, con o senza compagnia, e all'atterraggio è stata prontamente abbandonata dalla sua amica e si ritrova da sola in modo insospettabile.

Il momento in cui sto pensando si svolge la prima volta che vediamo Shirley che si mangia da sola nel suo hotel. Shirley passeggia tra la folla festante, si siede e inizia a sorseggiare contenta la sua retsina sulla terrazza - sospira una volta o due? Potrebbe. In ogni caso, la nostra eroina è almeno un po 'a disagio mentre sorveglia la terrazza piena di nessun altro seduto tutto solo. Mi chiedevo se questo sarebbe presto diventato me.

Trattare con la realtà del viaggio solista

Per fortuna ho passato il mio primo giorno a Madrid vagando felicemente. Il sole era luminoso e limpido, l'appartamento che avevo affittato era migliore del previsto, flirtavo con un cameriere e scarabocchiavo appunti per un saggio sorseggiando un caffè su una strada di ciottoli. Il giorno dopo visitavo il Prado - stavo ticchettando con facilità ogni scatola del mio itinerario. Poi il sole tramontò e cominciò il venerdì sera.

Camminavo per le strade di Malasaña, schivando allegri pacchetti di amigos, fumando le loro sigarette e camminando lentamente a tre, cinque, a volte sette a fianco. Attraverso le strade strette di questa città aggressivamente sociale, fissai le finestre dove queste stesse orde ridenti si incunearono improbabilmente nei tapas bar. Entrai e uscivo da un ristorante dopo l'altro, irrompendo in sudori nervosi mentre chiedevo se c'era un tavolo per uno senza fortuna. Non aveva senso: molti newyorkesi mangiano da soli di frequente, in una qualunque notte della settimana, senza provare una goccia di vergogna - me compreso. Dall'altra parte dell'oceano, però, la mia attenzione era "attirata verso informazioni sociali negative" e io ero "inavvertitamente ipervigilante alle minacce sociali". In altre parole, il mio gioco era spento.

Il viaggio in solitaria dovrebbe liberare il sé. Aumenta la fiducia e amplia le proprie sensibilità culturali; potenzia e rilassa. Fai una rapida ricerca su Google e centinaia di blogger di viaggio autoproclamati con citazioni social-ready riempiono lo schermo - così fanno alcuni giornali di record. Secondo Kathleen Doheny nel "Los Angeles Times", "Gli esperti di salute mentale sono d'accordo ... ci sono sicuramente benefici quando si tratta di relax, riduzione dello stress e allontanarsi da tutto" quando si tratta di viaggiare da soli. Quel pomeriggio avevo sentito tutte quelle cose sistemarsi nelle mie ossa e ora, di fronte alle conviviali vite di tutti intorno a me, lo splendore stava svanendo rapidamente.

Alla fine ho deciso di un ristorante chiamato "Nanai". Il bar aveva un sacco di spazio per un singolo uomo per sedersi e mangiare; aveva l'aspetto giusto su misura; c'era più di un oggetto vegetariano nel menu. Entrai e chiesi al barista se potevo cenare, gesticolando al suo bar. Si ritirò sul retro del ristorante ed emerse con l'ospite. Il mio stomaco affondò. Feci ancora un cenno al bar: "Para uno?" - ma è stato detto di seguire l'host. Siamo entrati nella sala da pranzo dove le coppie erano nascoste tra i tavoli pieni di quattro, cinque e sei persone. Sorridendo, l'ospite mi mostrò una tavola rotonda apparecchiata per quattro, dipinta di una bella sfumatura di turchese e angosciata proprio così, una candela tremolante al suo centro.

Lì sedevo, con il mio taccuino e il mio romanzo e il mio telefono, un uomo a un grande tavolo per quattro persone, guardando fuori in una sala da pranzo piena di amici felici che gettavano indietro caraffe di vino. Mi sono ricordato che avevo scelto di venire fin qui. Questo è esattamente quello che avrei voluto.

Tranne che non lo era. Avevo l'idea di mettermi di lato accanto a un bell'uomo, una ragazza amante del divertimento o un paio di compagni di viaggio e scatenare una serie di perfette corde di serendipity. Invece, mi sono sentito cospicuo, svelato e, ovviamente, americano. Ho collegato nervosamente il Wi-Fi del ristorante e aggiornato i miei feed sui social media ogni 30 secondi. Ho mandato dei messaggi agli amici a casa. Ho aperto e chiuso il mio libro innumerevoli volte. Ho fatto roteare la penna ed evitato di alzare lo sguardo. Mi ritrassi quando il piccolo bicchiere con la luce del tè sul mio tavolo si spezzò dal calore della fiamma, causando quello che sono sicuro che fosse l'intera stanza a girare, inorridito da quell'uomo strano con i suoi libri e il suo costante agitarsi.

Ho mangiato il resto del mio pasto in fretta e sono fuggito dal ristorante, scattando alcune foto di graffiti mentre tornavo all'appartamento.

Il piano stava fallendo.

Ripensandoci...

Ho dormito molto bene quella notte. Il mattino seguente mi sono fatto una doccia e mi sono vestito. Continuavo ad aspettarmi un sospiro, mi aspettavo di voler sedermi sul divano e non muovermi, ma niente di tutto ciò accadde. Invece, scesi le scale e iniziai la giornata nel modo in cui mi ero sempre detto che volevo iniziare la giornata con un caffè, un giornale e una sorta di pasticceria. Mi sono reso conto che ero solo e che ero da qualche parte nuovo e che mi è stato permesso di sentirmi solo e fuori posto. In effetti, ogni incontro apparentemente casuale che ho avuto in un viaggio solo all'estero era il risultato di una tale sensazione. Ho incontrato l'uomo a Buenos Aires perché stavo fuggendo da una coppia americana cercando di farmi ubriacare abbastanza da avere un rapporto a tre. Ho incontrato l'alto lama tibetano solo perché ho passato un pomeriggio a vagare da solo in una città dell'Himalaya, cercando e fallendo nel trovare una cascata da solo.

Permettetemi questo cliché: era come se tutto mi fosse tolto di mezzo. Il senso schiacciante di essere solo a New York - il prodotto del recente dolore e delle situazioni di vita instabili e così via e così via - è stato il primo. Non avevo nessuno a cui rispondere; Non avevo un piano e nessuna regola. Potrei godermi la malinconica ondata di vedere "Saturno che divora il suo bambino" di Goya per la prima volta e non avere nessuno che lo racconti; Potevo bere quanti caffè desideravo e non preoccuparmi di lanciarmi e girarmi accanto a qualcuno a letto tutta la notte; Potrei incontrare qualcun altro; Potrei piangere o potrei ridere o potrei fare tutte quelle cose allo stesso tempo.

C'è un momento che arriva - forse come una persona siede ai margini di un occupato mercato domenicale, bocadillo de tortilla in mano, senza anime conosciute nelle vicinanze - quando la mente si sveglia a tutto, quando il viaggiatore solista "si sente vivo, "per usare un altro cliché. Ma in realtà, è solo un sandwich e questo è solo un mercatino delle pulci e tu sei ancora solo - quindi perché l'improvvisa tonificante libertà? Perché la fretta della novità?

Forse è questo: nella vita di tutti i giorni - la vita definita dal lavoro, le amicizie, le relazioni e la casa - la solitudine e la solitudine possono facilmente diventare indicatori di indesiderabilità, fallimento o abbandono. Effettivamente, la sig.ra Parker-Reynolds sta annotando esattamente questo nel suo pezzo del "New York Times" quando si riferisce all'attenzione di una persona solitaria attirata "verso informazioni sociali negative". L'auto-percezione della solitudine è l'assassino, proprio perché la persona da sola è fissata su ciò che il mondo sta dicendo loro sul loro stato. Come straniero all'estero, però, l'aspettativa è che uno sarà solo, almeno per alcuni giorni. Uno è permesso la loro sola-ness; uno è, infatti, costretto a uno stato di solitudine. In questo stato più tranquillo, le inibizioni si ritirano, l'imbarazzo viene abbracciato, la mente può fermarsi o correre come meglio crede - le persone attraversano il proprio percorso senza il peso della permanenza, le cose imbarazzanti accadono ma non importa, i treni sono persi o gli hotel sono overbooking e si trova un modo per aggirare questi singhiozzi. Sono queste sensazioni di cui parlano i blogger e gli opinionisti quando diventano poetici sul miracolo del viaggio da solista.

Quindi puoi gentilmente aggiungermi anche al coro.

Link correlati:

Dacci un Mi Piace su Facebook! Miglioriamo la Tua Giornata con Foto Meravigliose